Escursione “la Ramata”: da Borgotaro al Passo Santa Donna con sosta all’Oasi

Quello che vi presentiamo oggi è un itinerario molto interessante per le vostre passeggiate sull’Appennino Parmense. Nella fitta rete di percorsi e sentieri della Val Taro, sono sicuramente tantissimi gli itinerari da provare, con gradi di difficoltà e lunghezze tra loro molto differenti. Il percorso che da Borgotaro permette di raggiungere la frazione di Porcigatone e di proseguire poi fino al Passo di Santa Donna, dove si trova la “Bocca di Santa Donna“, prende il nome di “La Ramata” e corrisponde al numero 832, nella numerazione del Cai di Parma e Provincia.

Si tratta di un’escursione che può essere definita lunga, in quanto nella sua “versione” integrale è di 11,6 km, che diventano impegnativi se fatti con andata e ritorno. Per i sentieristi più esperti può essere comunque una distanza copribile nell’arco di una giornata, mentre per tutti gli altri e per chi non dispone di così tanto tempo è possibile farne una versione “abbreviata”. Vediamolo nel dettaglio.

Borgotaro – Porcigatone – Bocca di Santa Donna – Percorso La Ramata

Il percorso parte da Borgotaro proseguendo oltre piazza Farnese in direzione Brunelli e Porcigatone. Lungo questo percorso si trova l’Oasi dei Ghirardi, una riserva del WWF che per gli amanti della natura merita sicuramente una visita. Se l’itinerario è troppo lungo per voi, o per le ore di luce che avete a disposizione, il nostro consiglio è quello di procedere fino all’oasi in macchina e poi da qua intraprendere il percorso, dimezzandone la durata, a meno che non abbiate tutta la giornata da dedicare alla vostra escursione.

Dopo aver visitato l’Oasi, che presenta dei bellissimi spunti per gli amanti della flora e della fauna, e per chi ama fare delle suggestive fotografie nella natura, è possibile proseguire con il sentiero in direzione di Porcigatone. Questo sentiero è ben segnalato e prosegue non troppo distante dalla strada principale. Tuttavia è bene considerare che in primavera e all’inizio dell’estate potrebbe presentare il problema dell’erba alta, quindi deve essere percorso sempre con un abbigliamento idoneo.

Inoltre il sentiero attraversa anche dei bellissimi boschi di castagno, dove in autunno è anche possibile raccogliere delle castagne fresche molto buone, che rappresentano una prelibatezza dell’Appennino Parmense. Una volta superata la frazione di Porcigatone, il sentiero prosegue fino a raggiungere il Passo Santa Donna. Questo passo viene talvolta chiamato anche “Bocca di Santa Donna“, molto probabilmente per la conformazione dei vari crinali della montagna che, se visti dall’alto, assumono proprio i contorni di una bocca.

Panorama, varianti al percorso e dati tecnici

Sul passo è possibile ammirare un bellissimo panorama ed è presente anche un monumento, chiamato “cippo della memoria”, che ha lo scopo di ricordare un eccidio compiuto in quel luogo dei nazisti durante le fasi finali della seconda guerra mondiale. Se la giornata non è delle migliori o non desiderate camminare per un numero così elevato di chilometri potete decidere di percorrere questa strada in auto, magari facendo una sosta presso l’Oasi del WWF e poi proseguendo lentamente fino al Passo, in modo tale da gustarvi il panorama.

Una volta arrivati sulla cima del Passo, se siete in auto, vi consigliamo di proseguire e intraprendere la discesa che porta fino a Bardi, uno dei borghi imperdibili e inserito nell’itinerario “cosa vedere in provincia di Parma“. Dopo vari chilometri, tra un tornante e l’altro, si aprirà ai vostri occhi una vista stupenda, con un ponte che permette di attraversare il fiume Ceno e il Castello imperioso al centro della Scena.

Sicuramente un itinerario affascinante, ideale anche per gli ospiti del nostro agriturismo a borgotaro, che desiderano fare una escursione per immergersi nella natura, decidendone la lunghezza e la durata. A tal riguardo è importante sottolineare che gli ultimi 4 km sono i più affascinanti dal punto di vista del panorama e della natura che è possibile ammirare, con diversità tipiche in ogni stagione.

Cosa vedere in Provincia di Parma: 4 luoghi da non perdere

Dati tecnici del percorso Borgotaro – Porcigatone – Santa Donna

  • lunghezza 11,6 km;
  • difficoltà medio-bassa;
  • sentiero numero 832;
  • durata del percorso integrale andata e ritorno: 9 ore (+ il tempo per la visita all’Oasi);
  • 500 mt di dislivello circa;
  • mt quota massima;
  • tracciato gpx.

Agriturismo Ca' Bianca Borgo Val di Taro

L'Agriturismo CA'BIANCA si trova in Provincia di Parma, nella splendida Val di Taro immersa nell'Appennino Tosco-Emiliano, vicino alle Cinque Terre in Liguria, alla Lunigiana e alla Garfagnana in Toscana. Il nostro è un Agriturismo con Piscina che assicura una gustosa cucina Tipica Parmense e la degustazione dei Funghi Porcini I.G.P. di Borgotaro durante la stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *