Itinerari della Valtaro: Escursione sul Monte Pelpi

Nel cuore della suggestiva regione della Valtaro, tra valli rigogliose e cime da scoprire, si cela un gioiello dell’escursionismo: il maestoso Monte Pelpi. Questa montagna, con i suoi versanti che si affacciano sulle valli del Taro e del Ceno, offre un’esperienza indimenticabile per chi desidera avventurarsi tra i sentieri dell’Appennino. Vi abbiamo già raccontato in precedenza i bellissimi percorsi per il Monte Molinatico e il Monte Penna.

Oggi vi proponiamo un nuovo percorso molto comodo da raggiungere dal nostro agriturismo, che può essere un perfetto punto di appoggio per godervi un giornata nella natura e un po’ di meritato relax al vostro ritorno. 

SCOPRI IL NOSTRO AGRITURISMO

L’itinerario

L’escursione sul Monte Pelpi è molto più di una semplice camminata. È un viaggio immerso nella bellezza selvaggia della natura, dove ogni passo porta a nuove scoperte e meraviglie paesaggistiche. I sentieri serpeggiano tra boschi secolari, prati verdeggianti e corsi d’acqua cristallina, offrendo panorami mozzafiato e un contatto autentico con l’ambiente naturale.

L’escursione inizia da Montevaccà, utilizzando la Trattoria Oppici come punto di riferimento. Dopo aver imboccato la strada provinciale verso Bedonia per pochi metri, si prende a sinistra una carraia indicata dalle frecce dei percorsi CAI n° 829 e n° 825A. Si procede lungo il margine destro di un campo fino a raggiungere un chiaro bivio. Da qui, si prosegue a destra lungo un’ampia traccia che si inerpica leggermente, passando vicino a una presa dell’acquedotto sulla destra.

Dopo una ripida salita attraverso un bosco rado, si arriva vicino a un ruscello e si devia a destra lungo una traccia trasversale (CAI n° 825A). Si continua seguendo un sentiero ben battuto fino a una curva a sinistra. Qui si unisce a un ampio sentiero proveniente da Case Lavaio, che si segue in salita sulla sinistra (percorso CAI n°829).

Dopo un tornante verso destra, il percorso diventa più agevole attraverso un piacevole ambiente boschivo fino a raggiungere un’area disboscata. Dopo un tornante verso sinistra e una salita sostenuta, si esce dal bosco dirigendosi verso il margine sinistro della radura di Pian de l’Era. Si continua a salire lungo una bella mulattiera e dopo aver superato un ripido pendio e attraversato un ruscello, si entra in un bosco più fitto.

Si procede lungo la linea di divisione delle acque, scendendo con decisione fino alla sella seguente, quindi si circumnaviga un rilievo utilizzando un sentiero che taglia sul lato destro. Attraversando il vasto e suggestivo crinale, tra ampie distese erbose punteggiate di faggi, si affronta l’ultima ripida salita che porta alla cima del Monte Pelpi (1481 m), dominata da una struttura di ripetizione.

Dopo un breve salto altimetrico, si procede per raggiungere l’anticima meridionale (1477 m), sormontata dalla maestosa croce di vetta. Proseguendo verso la cima del Pelpi, si attraversano bellissime radure punteggiate da macchie di faggi. Dopo aver raggiunto la quota più elevata del monte, si ammira il panorama circostante e si ritorna al bivio sulla Costa Agucchia.

L’escursione presenta diverse caratteristiche che la rendono un’esperienza unica e indimenticabile:

– Paesaggi mozzafiato

Durante l’ascesa verso la cima del Monte Pelpi, gli escursionisti sono premiati con panorami spettacolari che si estendono fino all’orizzonte. Le valli del Taro e del Ceno si aprono davanti agli occhi, mentre le cime circostanti offrono uno spettacolo di colori e forme unico nel suo genere.

– Tratti di salita impegnativa

L’escursione presenta tratti di salita piuttosto impegnativi, che richiedono una buona preparazione fisica e un minimo di esperienza nel trekking. Tuttavia, gli sforzi sono ampiamente ricompensati dalla sensazione di conquista e dal senso di realizzazione al raggiungimento della cima.

– Contatto con la natura

Uno degli aspetti più affascinanti dell’escursione sul Monte Pelpi è il contatto ravvicinato con la natura. Lungo il percorso, gli escursionisti possono avvistare flora e fauna selvatica, ascoltare il suono del vento tra i rami degli alberi e respirare l’aria fresca e pura delle montagne.

– Avventura e sfida

L’escursione sul Monte Pelpi è un’opportunità per mettersi alla prova e superare i propri limiti. I tratti di sentiero accidentato e le salite ripide offrono un’esperienza avvincente e stimolante per gli amanti dell’avventura e dell’outdoor.

Consigli Pratici per l’Escursione

Per coloro che desiderano intraprendere l’escursione sul Monte Pelpi, ecco alcuni consigli pratici da tenere a mente:

  • Preparazione fisica: Prima di intraprendere l’escursione, è consigliabile essere in buona forma fisica e avere un minimo di esperienza nel trekking in montagna.
  • Attrezzatura adeguata: È importante indossare abbigliamento e calzature adatti al trekking, oltre a portare con sé acqua, cibo leggero e una mappa dettagliata dell’area.
  • Orientamento: Date le condizioni della segnaletica lungo il percorso, è consigliabile portare con sé un dispositivo GPS o una bussola per orientarsi durante l’escursione.
  • Sicurezza: Prima di partire, è importante informarsi sulle condizioni meteorologiche e verificare lo stato dei sentieri. Durante l’escursione, è fondamentale prestare attenzione ai propri limiti e procedere con cautela in caso di terreno scivoloso o difficile.

In conclusione, l’escursione sul Monte Pelpi è un’esperienza indimenticabile che porta gli escursionisti in un viaggio attraverso la bellezza selvaggia delle montagne della Valtaro. Con paesaggi mozzafiato, tratti di sentiero impegnativi e un contatto autentico con la natura, questa avventura promette emozioni e ricordi che dureranno per sempre.

 

 
 

Agriturismo Ca' Bianca Borgo Val di Taro

L'Agriturismo CA'BIANCA si trova in Provincia di Parma, nella splendida Val di Taro immersa nell'Appennino Tosco-Emiliano, vicino alle Cinque Terre in Liguria, alla Lunigiana e alla Garfagnana in Toscana. Il nostro è un Agriturismo con Piscina che assicura una gustosa cucina Tipica Parmense e la degustazione dei Funghi Porcini I.G.P. di Borgotaro durante la stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *