Borgotaro: il borgo tra Emilia, Toscana e Liguria

Borgo Val di Taro, meglio conosciuto semplicemente come Borgotaro, è un importante centro dell’Appennino Parmense. Si trova in una posizione geografica molto particolare, a cavallo infatti di Emilia Romagna, Toscana e Liguria. In passato questa è stata una posizione strategica di fondamentale importanza per la crescita e lo sviluppo di Borgotaro, vero e proprio crocevia infatti da cui passavano mercanti, pellegrini, eserciti e viaggiatori.

Borgotaro dall’epoca preromana al Medioevo

In epoca preromana vivevano nella Valle del Taro i liguri. Ecco perché il dialetto locale è ricco di toponimi che traggono origine proprio dal ligure. Con l’occupazione da parte prima dei Galli e in seguito dei Romani, i liguri si spostarono nella Liguria nonostante non poche resistenze.

 

Nasce Turris, antico nome di Borgotaro. Non nasce come una città a tutti gli effetti, bensì come un insediamento militare. In seguito arrivarono sul territorio i Longobardi. Data la posizione strategica, Turris riuscì nel corso degli anni a mantenere inalterata la sua importanza, un ruolo centrale il suo che è stato riconosciuto a lungo. In seguito però tutto il territorio, Turris compresa, fu donato al monastero di San Colombano a Bobbio. Questa fu una donazione importante, sempre per la posizione strategica di Borgotaro. Da qui infatti passa l’antica Via dei Monasteri. Non si hanno notizie certe su quando l’insediamento cambiò il suo nome, né sul motivo che spinse a tali modifiche. È plausibile credere però che con il passare degli anni l’insegnamento si sia spostato, seppur di poco, fino a raggiungere l’attuale posizione attorno al fiume Taro. Questo spostamento potrebbe aver dettato il cambio di nome.

Borgotaro dal Medioevo in poi

Durante il Medioevo Borgotaro è stato al centro di molte lotte ed è passato tra diverse dominazioni, come Malaspina, Fieschi, Visconti, Farnese. Il passaggio alla dominazione Farnese è stato in realtà voluto proprio dai borgotaresi. Era il 1578 e gli abitanti del paese erano stanchi del dominio Landi. Si ribellarono e decisero di consegnarsi direttamente nelle mani dei Farnese. Come principe nominarono Ottavio. Da quel momento in poi, Borgotaro segue le vicende, piuttosto travagliate a dire il vero, del Ducato di Parma. Il Ducato di Parma in seguito è stato assegnato all’Impero Francese, a Maria Luigia d’Austria, nuovamente ai Borbone.

 

Nel 1859 l’Emilia fu annessa al Regno di Sardegna. Gli abitanti di Borgotaro hanno vissuto da vicino le due grandi guerre e nel 1943 proprio qui ebbe luogo un importante movimento di resistenza. Proprio perché Borgo Val di Taro ha preso parte alla Guerra di Liberazione, è stata insignita della Medaglia d’oro al valor militare nel 1985.

Borgotaro, un paese ricco di storia e di bellezza

La storia di Borgotaro così come l’abbiamo raccontata è, dobbiamo ammetterlo, un mero riassunto di tutti gli eventi che hanno avuto luogo su questo territorio. La sua è una storia ricca, che ha ovviamente lasciato molti segni. La sua è una storia che merita di essere scoperta dall’interno, visitando Borgotaro e la valle in cui è immerso. Sono luoghi meravigliosi, incantevoli, dove la natura vive ancora oggi incontaminata, dove storia e tradizioni si intrecciano tra loro. È un luogo che ha dell’incredibile!

Agriturismo Ca' Bianca Borgo Val di Taro

L'Agriturismo CA'BIANCA si trova in Provincia di Parma, nella splendida Val di Taro immersa nell'Appennino Tosco-Emiliano, vicino alle Cinque Terre in Liguria, alla Lunigiana e alla Garfagnana in Toscana. Il nostro è un Agriturismo con Piscina che assicura una gustosa cucina Tipica Parmense e la degustazione dei Funghi Porcini I.G.P. di Borgotaro durante la stagione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.